Maxwell Render

Motore di rendering basato sulla fisica della luce reale

Maxwell Render

Prodotti Software Cad


Maxwell Render è un motore di rendering basato sulla fisica della luce reale. I suoi algoritmi e le sue equazioni riproducono il comportamento della luce in modo esaustivo e meticoloso. Tutti gli elementi di Maxwell Render, quali ad esempio i light emitters, i material shaders e le cameras, sono completamente basati su accurati modelli fisici.

Vantaggi

Il metodo di calcolo di Maxwell Render converge sempre verso la corretta soluzione senza introdurre artifici in quanto è un renderer unbiased. Maxwell Render può calcolare interamente tutte le interazioni luminose fra gli elementi presenti in una scena. L’illuminazione è completamente calcolata usando le informazioni spettrali e i dati con high dynamic range.

Maxwell Render è sviluppato per le piattaforme Windows 32/64, Linux e MacOSX.
Questo software include i plugin per 3dsMax, Viz, Maya, Lightwave, Rhinoceros, Solidworks, ArchiCAD, Cinema 4D, FormZ e Sketchup. In aggiunta sono supportati anche i formati di file .obj, .lwo, .nff, .3ds, .xms e .stl; inoltre include funzionalità quali material editor, light editor or tone mapping, tutti fondati su modelli fisici accurati.

Un’immagine incredibilmente fotorealistica

Una delle principali caratteristiche di Maxwell Render è la tecnologia di rendering strettamente basata sulle reali equazioni che governano la trasmissione della luce. Maxwell Render è capace di produrre incredibili risultati di illuminazione reale senza dover fare ricorso ai trucchi utilizzati dagli altri software di rendering. Conseguentemente, i risultati prodotti da Maxwell Render riproducono fedelmente il mondo reale e sviluppano immagini notevolmente fotorealistiche.

Se oggi la maggior parte dei motori di rendering producono i loro calcoli in uno specifico spazio colore (tipicamente RGB), Maxwell Render evita questo metodo fisicamente errato e considera il comportamento del mondo reale. In armonia con l’ambiente fisico, Maxwell Render considera la luce come un’onda elettromagnetica definita attraverso una frequenza spettrale, con un range che va dagli infrarossi agli ultravioletti.

Quando Maxwell Render ha completato la procedura di rendering, ogni pixel dell’immagine di output contiene differenti valori di frequenza spettrale. L’energia prodotta dalle luci presenti nella scena è captata dalla pellicola della macchina fotografica virtuale o dalla retina dell’osservatore. Queste informazioni sono archiviate in un nuovo formato interno chiamato MXI. Il colore dei pixel, che è generalmente il prodotto finale desiderato, è un’interpretazione e una sensazione delle differenti frequenze che arrivano alla pellicola o alla retina. Maxwell Render simula questo processo ed in ultimo trasforma le misure spettrali in un formato colore conosciuto quale XYZ, RGB, etc.